Visual Merchandising: cos’è e 5 tecniche da applicare subito per il tuo negozio

Nicole Di Giammatteo
Nicole Di Giammatteo | 5 minuti di lettura

Iscriviti per essere aggiornato

check
Ottimo!
Adesso sei iscritto!
subscribe-decor

Basta passare davanti a una vetrina di un ben noto brand come Apple per avere un’idea al primo sguardo di cosa voglia dire “visual merchandising”.

In questo caso abbiamo un’ambientazione bianca, minimal e il grande simbolo luminoso della mela che predomina sulle pareti. 

Una volta entrato, il cliente ammira i prodotti esposti sugli scaffali come dei preziosi gioielli e può interagire direttamente con essi, così da invogliare inevitabilmente un futuro acquisto. Proprio assecondando il principio del suo creatore, Steve Jobs, qui le parole chiave sono design, semplicità e funzionalità. 

visual merchandising in un negozio apple

È proprio questo approccio visual (ma non solo, come vedremo più avanti) che si traduce in uno degli strumenti di marketing fondamentali per rendere unica l’immagine di uno shop o di un’azienda.

In questo modo è più facile comunicare al proprio cliente la mission e l’identità del brand, in modo da incrementare le vendite e la fidelizzazione.

Ma cos'è esattamente il visual merchandising e perché è così importante sia per i negozi al dettaglio che online? 

In questo articolo ne vedremo i concetti chiave e le tecniche utilizzate per esporre i propri prodotti nel modo più efficace e trasformare il design del proprio negozio in un'esperienza accattivante per i clienti.

Cos’è il visual merchandising

Magari abbiamo inteso l’idea generale, ma qual è la definizione di visual merchandising?

Il visual merchandising è un settore che comprende sia il marketing che il design, attraverso il quale si presenta un prodotto nel negozio fisico (oppure online) in modo da valorizzare il suo impatto attraverso i cinque sensi.

Vediamo come.

profumi esposti in un negozio

  1. Con la vista, che è il senso più immediato da stimolare, si può giocare con luci e contrasti di colore
  2. Attraverso il tatto, e quindi la possibilità di toccare con mano la merce, il cliente può associare il prodotto a una sensazione
  3. Con la strategia sensoriale dell’olfatto, diffondendo ad hoc fragranze nel punto vendita, si riesce a far leva su profondi stimoli sensoriali 
  4. Difficile poi resistere alla tentazione di prendere per la gola i propri clienti giocando con il senso del gusto
  5. L’aggiunta di una buona musica o di uno stimolante background che solletichi l’udito può inoltre sia rafforzare l’identità del brand che accompagnare il cliente dalla scelta del prodotto all’acquisto vero e proprio

Una strategia di marketing come questa, che si basa sui cinque sensi e sul coinvolgimento a 360° del consumatore, può essere applicata tanto in un negozio fisico quanto in uno shop online.

desktop con diversi modelli di pagine web

Al livello visivo, ad esempio, si può conferire una particolare cura all’aspetto del sito web e della UX, ovvero della User Experience, attraverso la scelta di design accattivanti, di pagine di prodotto ben strutturate e di un’esperienza di acquisto pulita e senza distrazioni.

Oppure si può affidare il messaggio del proprio brand al packaging prescelto, essendo questo il primo punto di vero contatto tra il consumatore e il sito di e-commerce da cui si è effettuato l’acquisto. 

scatola doppia stampa e biglietto di ringraziamento

Si può scegliere una scatola postale con colori allegri e vivaci, con finiture soffici che stimolino il tatto. Un packaging kraft dal tocco minimalista o con un bigliettino di ringraziamento arricchito da una grafica creativa che riporti lo stile del brand.

5 tecniche più utilizzate nel visual merchandising

A questo punto possiamo entrare nel dettaglio.

Quali sono dunque le tecniche per un visual merchandising coi fiocchi, attraverso il quale puoi trasformare un semplice negozio in un'esperienza immersiva e coinvolgente?

1. Esponi i tuoi prodotti secondo un tema riconoscibile

vetrina di hermes con borse, scarpe e accessori a tema domino

Uno dei metodi più utilizzati è quello di presentare i prodotti in vendita raggruppandoli secondo delle tematiche specifiche o ambientazioni immersive per mostrare gli oggetti nella vita di tutti i giorni. 

Inoltre, possono utilizzare manichini, modelli e altri elementi visivi per aiutare a comunicare la vestibilità e lo stile dei prodotti.

Possono essere sfruttate al meglio anche le festività o le promozioni stagionali: decorare l’ambiente con luci, musica e festoni natalizi, magari con finti fiocchi di neve che paiono cadere dal soffitto e arredi bianchi e rossi che ricordano il vestito di Babbo Natale. 

Puoi incentivare gli acquisti di prodotti anche componendo set regalo apposta per l’occasione, rigorosamente esposti in bella vista.

Scopri le nostre scatole regalo personalizzate per tutti i tipi di eventi!

2. Disponi la merce secondo un ordine ben preciso

cappotti di diversi colori esposti per gradazione nella vetrina di un negozio

Se poi l’argomento in questione è quello del visual merchandising, presentare i prodotti secondo dei display accattivanti diventa di fondamentale importanza. 

Ad esempio puoi posizionare i prodotti di punta al centro del negozio, dove cattureranno inevitabilmente lo sguardo, oppure utilizzare colori più accesi e gli abbinamenti più disparati e originali per attirare l'attenzione su una categoria specifica di prodotti.

Una delle tecniche più utilizzate ed efficaci è quella di mettere insieme tutti gli oggetti e capi di uno stesso colore: oltre a dare un senso di ordine e armonia, facilita l’orientamento del cliente nel negozio, il quale si dirigerà autonomamente verso il colore che desidera.

3. Gioca con le luci per guidare all’acquisto

scarpe Adidas esposte secondo la pratica del visual merchandising in un negozio di Londra

L'influenza della luce come strumento di marketing è spesso sottovalutata. 

Immagina un’enoteca dallo stile urban disseminato da botti con pareti in mattoni e pavimento in legno con un’illuminazione fredda e asettica, che fa ricordare senza troppo sforzo quella di uno studio dentistico. Non il massimo.

Degustare vino e formaggi illuminati da lampade vintage e fumé che trasmettono una luce calda e accogliente farà sicuramente tutto un altro effetto.

Ma non cadiamo nell’errore di pensare che la luce calda stia “bene su tutto”: per negozi di elettronica, arredo e showroom di auto o sanitari una luce bianca e fredda è l’ideale: il messaggio che trasmette una scelta del genere è quello di pulizia, ordine e professionalità.

laminati esposti in un negozio di arredo

4. Aggiungi musica e profumi per un’esperienza immersiva

Anche se il visual merchandising può essere applicato agli e-commerce, dobbiamo ammettere che il vero vantaggio di questa pratica lo si ottiene in un negozio al dettaglio. Soprattutto se si vuole sfruttare il potere della musica o quello di fragranze e aromi particolari. 

Se l’obiettivo è quello di rilassare e mettere a proprio agio il cliente, puoi optare per odori come lavanda, vaniglia, cannella e agrumi. Meglio invece timo, menta e rosmarino per un mood più energico e stimolante. Non è un caso che, ad esempio, il profumo incisivo e distinguibile del brand Lush sia diventato un potente segno di riconoscimento per i suoi negozi fisici.

espozione di profumi in un negozio lush

Tuttavia, anche nel caso di un acquisto online, si può sempre ricorrere alla creatività: puoi aggiungere ai prodotti ordinati dei campioni di profumo, oppure puoi profumare le scatole postali per offrire agli acquirenti un'esperienza di unboxing molto speciale.

5. Completa il visual merchandising mantenendo il negozio pulito e ordinato

vetrina curata di un negozio uniqlo

Questa pratica include anche la pulizia e l'ordine del negozio. 

Se infatti un negozio con merce accatastata e strati di polvere visibili a occhi nudo fanno scappare i potenziali acquirenti a gambe levate, un punto vendita pulito e ordinato dona un'impressione positiva ai clienti. Li incoraggia a dare un’occhiata in giro senza fretta e, magari, a scegliere il prodotto da portare a casa.

Ricorda inoltre di rinnovare spesso arredi e vetrine del tuo negozio, così da mantenere vivo l'interesse dei clienti e incoraggiare gli acquisti.

Conclusione

In un’era in cui e-commerce e negozi online stanno sempre più prendendo piede, il visual merchandising diventa un alleato e un vantaggio imprescindibile per i negozi fisici. Proprio perché un negozio al dettaglio offre molte più opportunità di utilizzare misure di promozione e marketing legate a tutti i cinque sensi.

vetrine di diversi negozi di moda all'interno di un centro commerciale

L'essenziale è quello di identificare il proprio target di riferimento in modo tale da creare un'esperienza di shopping che risuoni con il pubblico a cui ci si vuole rivolgere. 

Perché con pochi accorgimenti, spesa limitata e tanta creatività, si può ottenere un grande impatto sia sulle proprie vendite che sulla soddisfazione del consumatore.

Decor

Iscriviti per ricevere le ultime tendenze di design e suggerimenti per il tuo e-commerce

check
Ottimo!
Adesso sei iscritto!
Choose other country